Nuova Kawasaki Z900 SE 2022

Arriva inattesa la nuova Kawasaki Z900 SE 2021, anche se la formula non è certo inedita per la Casa di Akashi. Di fatto, Kawasaki ha (giustamente) replicato  quanto fatto a suo tempo con la Z 1000R a fine 2016, lasciando inalterata la base di successo e valorizzandola con alcune componenti di maggior pregio.

Arriva quindi un comparto frenante Brembo, con pinze radiali monoblocco M4.32 e pastiglie dedicate, con tubi in treccia d’acciaio e dischi Brembo da 300 mm di diametro al posto di quelli a margherita dell’originale. La forcella rimane a steli rovesciati da 41 mm ma ora completamente regolabile e con colorazione dorata dei foderi. Al posteriore arriva invece un monoammortizzatore Öhlins S46; la taratura è naturalmente dedicata al modello.

kawasaki z650rs

Anticipata da una paio di video teaser, giusto per solleticare la curiosità, la nuova Kawasaki Z650RS è stata svelata questo pomeriggio.

La nuova proposta si inserisce nel filone delle modern classic di media cilindrata che vede fra le maggiori esponenti della categoria la Yamaha XSR700, la Moto Guzzi V7 – cresciuto però di cilindrata già quest’anno – e la nuova Triumph Trident 660.

A vantaggio della nuova RS “piccola” di Kawasaki ci sono almeno un paio di ottimi motivi: la vicinanza con un modello di successo, qual è la Z900RS, e l’apprezzata base tecnica rappresentata dalla naked Z650.

Anticipata da una paio di video teaser, giusto per solleticare la curiosità, la nuova Kawasaki Z650RS è stata svelata questo pomeriggio.

La nuova proposta si inserisce nel filone delle modern classic di media cilindrata che vede fra le maggiori esponenti della categoria la Yamaha XSR700, la Moto Guzzi V7 – cresciuto però di cilindrata già quest’anno – e la nuova Triumph Trident 660.

A vantaggio della nuova RS “piccola” di Kawasaki ci sono almeno un paio di ottimi motivi: la vicinanza con un modello di successo, qual è la Z900RS, e l’apprezzata base tecnica rappresentata dalla naked Z650.

Tecnicamente la nuova RS riprende in toto la struttura meccanica e ciclistica della Z650 a eccezione della posizione di guida, qui più seduta e con il manubrio un poco più alto (50 mm) è più arretrato (di 30 mm).
La sella è alta 820 mm da terra ma c’è l’opzione a 800 mm.

Il motore è il generoso bicilindrico in linea di 649 cc, con distribuzione bialbero, otto valvole e cambio a sei marce. Fornisce la potenza di 68 cavalli a a 8.000 giri e una coppia massima di 6,5 kgm a 6.700 giri. Esiste anche in versione depotenziata a 35 kW (48 cavalli) per i neopatentati.

La ciclistica prevede il noto telaio a traliccio in tubi di acciaio, forcellone nello stesso materiale, forcella teleidraulica tradizionale da 41 mm e mono Back-link orizzontale.

Il doppio freno a disco anteriore da 300 mm ha profilo regolare – e non a margherita – e pinze assiali a due pistoncini, l’ABS Bosch è a due canali e il disco posteriore misura 220 mm.
Le ruote sono da 17 pollici gommate 120/70 e 160/60 e il peso è dichiarato in 187 kg in ordine di marcia, ovvero con il serbatoio da 12 litri pieno al 90%.

Prezzo e arrivo in vendita in Italia non sono stati comunicati

 

kawasaki z900rs se 2022

Kawasaki ripropone su una delle sue iconiche moto una grafica tra le più desiderate delle due ruote del brand degli anni Settanta. Il nuovo modello Z900RS SE per la stagione 2022 sarà disponibile nella classica livrea “Yellow Ball” che si rifà all’originale Super Four del 1972 del modello Z1.

Una colorazione che, dal primo sguardo, diventa la caratteristica più evidente della nuova Z900RS, ma le novità non si fermano qui. La moto è infatti dotata di serie di moltissimi aggiornamenti e modifiche, con specifiche di qualità che comprendono il reparto sospensioni e freni.

Diamo inizialmente uno sguardo al posteriore, il modello SE è dotato di un ammortizzatore Öhlins S46 con regolazione del precarico. Corpo in alluminio con costruzione a tubo singolo, grande pistone da 46 mm e internamente ci sono le camere d’aria e del gas separate da un pistone flottante. Tutto è stato progettato per trasmettere un feeling superiore al pilota per quanto riguarda aderenza e maneggevolezza.

Importanti aggiornamenti anche all’avantreno. La forcella anteriore rovesciata da 41 mm risplende di una meravigliosa colorazione dorata, ed è stata anche settata con una raffinata impostazione che consente in qualsiasi momento un equilibrio ideale di reazioni tra anteriore e posteriore lungo tutto il range di escursione delle sospensioni.

Rinnovamenti importanti anche per l’impianto frenante, vediamo pinze e dischi Brembo. I doppi dischi anteriori Brembo da 300 mm sono frenati da pinze Brembo monoblocco ad attacco radiale M4.32 servite da una pompa freno radiale Nissin a diametro ridotto, e il comando avviene attraverso tubi in treccia in acciaio inossidabile che offrono più potenza frenante e anche una progressione più lineare all’azionamento della leva.

Nuova Aprilia tuareg 660 eccola!

Sulla base della apprezzata piattaforma 660 nasce la nuova enduro stradale italiana. Ecco il suoi numeri: sospensioni a lunga escursione, peso light e la giusta potenza

E’una giornata speciale per gli appassionati del marchio Aprilia – tantissimi in tutto il mondo – e del mondo adventure. L’attesa Tuareg 660 vede la luce sulla pagina web della Casa (da cui è tratto il video di lancio che vedete sopra) e si svela ai nostri occhi.
Design minimalista e decisamente originale, come da DNA di Aprilia, che dal suo debutto ha sempre tracciato una strada propria più che seguire quella segnata dai concorrenti.
La nuova Aprilia Tuareg 660 sfrutta la modernissima piattaforma 660. Ma ovviamente è declinata in chiave fuoristradistica. Ha quindi una ciclistica leggera, con sospensioni a lunga escursione (240 mm), meno cavalli (80) ma più coppia in basso.
Ecco alcune delle caratteristiche svelate oggi. Ovviamente, in attesa di provarla, vi daremo tutte le info che saranno via via rivelate da Aprilia.

TECNOLOGIA APRC
4 Riding Mode, 2 dei quali personalizzabili (1 dedicato alla guida fuoristrada). ABS  disinseribile su entrambe le ruote o solo sul posteriore. Sistema APRC completo di Traction Control, Cruise Control, Engine Map e Engine Brake. Tutto accessibile dallo schermo TFT da 5″ ad alta visibilità.

PESO CONTENUTO
Con soli 187 kg a secco, Tuareg 660 è uno dei riferimenti nel settore. I tecnici Aprilia hanno limato ogni grammo possibile, equipaggiando Tuareg con tutto l’essenziale per l’adventouring, a cominciare dal capiente serbatoio da 18 litri.

CICLISTICA APRILIA
Tuareg 660 tiene fede alla tradizione delle ciclistiche Aprilia, grazie al nuovo telaio tubolare in acciaio accoppiato a staffe in alluminio e collegato al motore in 6 punti, all’interasse di poco superiore ai 1.500 mm e all’attenta distribuzione dei pesi e centralizzazione delle masse.

SOSPENSIONI OFF ROAD
Più mm, nessun compromesso. Forcella da 43 mm di diametro e monoammortizzatore con leveraggi progressivi, entrambi a lunga escursione: 240 mm di corsa per entrambi.

MOTORE RIDISEGNATO
Il bicilindrico parallelo frontemarcia esprime ora 80 CV di potenza massima, 70 Nm di coppia massima e un sostanziale incremento della schiena ai bassi e ai medi. La nuova coppa dell’olio riduce l’ingombro verticale, regalando una luce a terra di oltre 240 mm e un’altezza della sella inferiore a 860 mm.

kawasaki kx 450 MODELLO 2022

La moto KX250 è la moto collaudata che abbiamo costruito in modo che tu possa essere il prossimo. Diventa il
prossimo campione. Sii il prossimo eroe. Sii la prossima leggenda. Sii il prossimo pioniere di
un’intera generazione di grandezza. Sul KX250, il tuo momento è adesso. Dotato di: nuovo
motore 4 tempi da 249 cc più potente, nuova frizione idraulica con molla a disco,
nuovo avviamento elettrico, nuovo sottile telaio perimetrale in alluminio.

nuova kawasaki kx450f my 22

Con più campionati Supercross e Motocross di qualsiasi altro produttore, il nome KX è
sinonimo di vittoria. La moto KX450 rappresenta l’ammiraglia della gamma KX,
costruita con l’unico scopo di dominare la pista. Negli ultimi quattro decenni,
abbiamo imparato cosa serve per vincere e rimanere al top. La nostra dedizione alla
costruzione della macchina definitiva è innegabile e il KX450 lo rappresenta
al meglio. Dotato di: motore a 4 tempi da 449 cc con
prestazioni migliorate, nuova
frizione idraulica con molla a disco , nuovo manubrio Renthal Fatbar.

nuova kawasaki kx85 my ’22

Dalla loro prima corsa al sollevamento del trofeo, le leggende scelgono KX – Creato per dominare e costruito
per i vincitori, il KX65 e il nuovo KX85 sono macchine pronte per la competizione progettate per incoraggiare
i germogli verdi del talento giovanile permettendogli di sbocciare in vittorie di gara in piena regola
e Successo di campionato.

Open chat

Il sito non utilizza cookie per fini di profilazione ma consente l’installazione di cookie di terze parti anche profilanti. Cliccando su ACCETTO, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie di terze parti. Per maggiori informazioni maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi